slider-890×394-6
slider-890×394-2
slider-890×394-sbiancamento
slider-890×394-4
slider-890×394-5
slider-890×394-1

Lo Sbiancamento dentale: quando i denti perdono la loro bellezza originaria perché opacizzati da varie sostanze che nel corso del tempo li hanno attaccati, ad esempio caffeina, teina oppure farmaci, allora è il momento di pensare ad un trattamento di sbiancamento dei denti. Questo consiste nella rimozione della patina opacizzante mediante agenti sbiancanti che contengono perossido di idrogeno.

E’ molto importante che il trattamento di sbiancamento dei denti sia effettuato in uno studio medico dentistico. Spesso si è tentati di effettuare trattamenti casalinghi che non ottengono risultati ottimali e in alcuni casi possono portare disagi. In uno studio professionale, invece, saranno prese tutte le opportune cautele.

Come viene eseguito lo sbiancamento dentale

Per prima cosa si inizia proteggendo le gengive e poi si applica un gel al perossido di idrogeno sui denti. La concentrazione media di questa sostanza è al 35-40%. Pur penetrando lo smalto dentale, le caratteristiche del perossido fanno sì che non generi danni. Il risultato dipenderà molto dal tempo di durata di azione del gel sui denti e dalla sua concentrazione.

Il colore dei denti è variabile in ogni persona in quanto dipende da molti fattori. Il primo di questi è la componente genetica che incide fortemente, poi troviamo l’età, le abitudini alimentari, il fumo, lo stato di salute. Mantenere la struttura dentale sana è molto importante perché contribuisce a mantenere lo stato di salute in generale.

sbiancamento dentaleVisite dentistiche regolari sono fondamentali per controllare il benessere dentale. Anche prima di un trattamento di sbiancamento dei denti viene effettuata una visita di controllo ed una pulizia dei denti. Lo sbiancamento dei denti professionale consente di ottenere un bianco migliorato anche fino a 15 tonalità.

La durata di questo beneficio in genere dura dai 2 ai 4 anni. Lo sbiancamento dal dentista può essere di due tipi: sbiancamento alla poltrona con attivazione luminosa e sbiancamento alla poltrona privo di attivazione luminosa. Quando lo sbiancamento è con attivazione luminosa, durante la seduta si è esposti ad una sorgente luminosa che potenzia gli effetti del gel sbiancante.

Questo comporta che il tempo di permanenza della seduta sarà notevolmente inferiore e i risultati migliori. Il sorriso di una persona è il suo biglietto da visita sociale. Avere un sorriso in buono stato e di un colore luminoso induce le persone a pensare di trovarsi di fronte una persona che ha cura di sè. Anche se bisogna puntualizzare che il colore dei denti è personale ed anche un individuo dai denti leggermente ingialliti non significa che ha una cattiva igiene orale.

Lo sbiancamento dentale si fa anche per denti devitalizzati?

Per quanto riguarda lo sbiancamento di denti devitalizzati la procedura è leggermente diversa in quanto il gel va applicato anche all’interno del dente e non solo esternamente. Esiste poi una tecnica domiciliare dello sbiancamento dei denti. Questa consiste nel prendere le impronte delle arcate dentarie da parte del dentista. Poi saranno create due mascherine per le arcate dentarie contenenti il gel sbiancante. Il paziente dovrà indossare queste mascherine a casa propria per due settimane dalle 4 alle 8 ore giornaliere.

Oltre i trattamenti professionali esistono dei trattamenti autonomi per conquistare un sorriso smagliante. Questi consistono nell’acquistare prodotti che contengono perossido di idrogeno ma in concentrazioni inferiori a quelle utilizzate dagli studi professionali. I risultati sono inferiori ad un trattamento professionale e a volte possono innescare disagi se non utilizzati correttamente.

Tags: sbiancamento denti, sbiancamento dentale, denti bianchi,